Innovazione
Call for papers Festival dell'Energia, II edizione

festival_dellenergia_2010_logo_dataDal 20 al 23 maggio 2010, torna a Lecce il “Festival dell’Energia”, e torna il call for paper, il bando per la presentazione di progetti di ricerca e di innovazione tecnologica in ambito energetico, rivolto a Università, Fondazioni, Associazioni, Istituti di ricerca pubblici e privati, italiani e stranieri.

I progetti, da presentare sottoforma di abstract (3.500 caratteri spazi inclusi), possono avere carattere teorico o essere supportati da sperimentazioni scientifiche, brevetti o prototipi. Le proposte devono essere inviate entro il 15 marzo 2010 all'indirizzo Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. e saranno selezionate entro il 31 marzo 2010 dal Comitato Scientifico del Festival in base a criteri di innovazione e fattibilità.


Add a comment
 
Accettabilità sociale rinnovabili. Una ricerca

Yoshiaki Arata e la sua collega Zhang, nel laboratorio di Osaka dove ha avuto luogo la dimostrazione pubblica della fusione freddadi Fabio Disconzi, Ingegneria Industriale Università di Padova

Per molti anni si è creduto che il miglioramento tecnologico, scientifico ed ingegneristico fosse in grado di portare a una riduzione dei consumi di energia. Il miglioramento del rendimento di conversione delle varie tecnologie e l'ottimizzazione dei processi si è visto non essere sufficiente per invertire la tendenza dei consumi di energia. E con l'aumento dei consumi energetici aumentano le emissioni di gas ad effetto serra. Ogni Paese del mondo ha in Agenda l'impegno di aumentare il contributo delle fonti rinnovabili nel loro fabbisogno energetico. Alcuni Paesi si sono imposti degli ambiziosi target ed hanno creato un contesto per lo sviluppo delle nuove tecnologie e per le tecnologie rinnovabili molto fertile dal punto di vista tecnico-economico. Tuttavia con l'aumentare della penetrazione degli impianti per la produzione di energia da fonti rinnovabili si osserva che la diffusione non è efficiente e veloce come previsto: vi è un fattore finora largamente trascurato che frequentemente risulta essere di ostacolo per lo sviluppo dei progetti: l'accettabilità sociale.


Add a comment
 
Nuove tecnologie per l'energia. Scienza o fantascienza?

I Have An Idea!di Lorenzo Pinna, autore di Super Quark

Il Wall Street Journal nei giorni scorsi ha individuato cinque tecnologie che potranno cambiare radicalmente il modo in cui produciamo energia e dunque consentirci di vincere la sfida principale: liberarci dalle fonti fossili, diminuire drasticamente la produzione di CO2 e continuare a crescere. Quanto è realistico lo scenario proposto dal WSJ?

Ci sono tre righe all'inizio dell'articolo che dicono da sole tutto quanto: "Il successo non è garantito. E tecnologie presentano difficili sfide ingegneristiche e alcune richiedono grandi salti scientifici in nuovi materiali o in piante geneticamente modificate. A queste innovazioni devono essere realizzate a un costo che non rende l'energia prodotta ancora più cara . Se tutto ciò può essere realizzato allora ognuna di queste tecnologie può rivelarsi rivoluzionaria." Ci sono troppi "se" in giro e in certi casi siamo più vicini alla fantascienza che alla scienza. Ma in altri casi le speranze di una svolta sono più realistiche. Vediamo in quali.


Add a comment
 
Storia avventurosa di una presunta eresia scientifica

Yoshiaki Arata e la sua collega Zhang, nel laboratorio di Osaka dove ha avuto luogo la dimostrazione pubblica della fusione freddadi Agnese Bertello

Quella della fusione fredda è una storia affascinante che comincia con il clamore per una scoperta che sembrava capace di rivoluzionare il mondo dell'energia; l'esperimento di Fleishmann e Pons, da cui tutto ha avuto inizio nel 1989, infatti, sembrva promettere all'umanità energia in quantità illimitata, a buon mercato e senza conseguenze. Se oggi, importanti centri di ricerca nel mondo, in Italia l'INFN e l'ENEA insieme ad alcune università, portano avanti la ricerca in maniera istituzionale, per quanto silenziosamente, è perché si è riconosciuto che quello della fusione fredda sia una branca del sapere in cui val la pena portare avanti una ricerca di base seria. Ma non è sempre stato così e per lungo tempo gli scienziati che sceglievano di occuparsi di fusione fredda erano considerati degli eretici, in qualche modo, costretti a percorrere strade individuali, senza poter godere di finanziamenti adeguati.


Add a comment
 
Ricerca: Italia e USA sulla stessa lunghezza d'onda

img1di Luciano Maiani, Presidente CNR

Non vi è dubbio che una delle maggiori imprese che il prossimo futuro ci chiederà di affrontare sarà quella di trovare nuove e più efficienti risposte al crescente fabbisogno di energia. Il rapporto 2008 della International Energy Agency (IEA) indica che nel 2006 i consumi primari mondiali di energia sono stati di 11,7 Gtoe (Miliardi di tonnellate di Petrolio Equivalente), e stima che nel 2030 possano crescere del 50% rispetto ai livelli attuali. Vincere questa sfida rappresenta, secondo la maggior parte degli scienziati, la prova più importante che l'umanità è chiamata a superare nel XXI secolo.


Add a comment
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 3